OstiaToday

Axa, mancano gli Aec. Situazione difficile per i bambini disabili

I genitori hanno raccolto oltre 600 firme per sollecitare l'aumento di insegnanti di sostegno della scuola di via Ghiglia. Notturni, UdC: "Nelle scuole c'è bisogno dei fondi promessi"

Drammatica la mancanza di assistenti educatori culturali nelle scuole della Capitale e nello specifico nell’Istituto comprensivo di via Oscar Ghiglia, ad Axa-Malafede, nel municipio XIII. I genitori dei bambini disabili, insieme ai docenti e alla dirigente scolastica, Silvana Gatti, si sono mobilitati per mettere fino ad una situazione insostenibile, che penalizza i bimbi e vanifica i risultati positivi fino ad oggi raggiunti. Nel frattempo, i genitori hanno raccolto oltre 600 firme per sollecitare l’aumento di insegnanti di sostegno. Hanno inoltre inviato una lettera all’assessore alle politiche scolastiche del municipio XIII, Lodovico Pace.

“La situazione è tragica: la legge prevede 1 docente ogni 2.03 alunni ma alla scuola di via Ghiglia abbiamo addirittura 1 docente ogni 4.5 alunni. A questo, - spiega Angela Caprara - si aggiunge la mancanza di Aec che potrebbero coadiuvare ed intervenire nei casi più delicati. Di fronte a situazioni di grave disagio comportamentale c’è infatti assoluta necessità di assistenza totale per l’incolumità del bambino e dei compagni ed è indispensabile  un  rapporto individualizzato dell'’adulto.  E’ un enorme disagio lavorare senza risorse ed è assurdo “tagliare” colpendo i bambini e soprattutto i disabili”, sottolinea la referente di Cambiare davvero che ha sottoposto all’attenzione di Alessandro Onorato, capogruppo capitolino UdC, la necessità di presentare un’interrogazione al riguardo.
 
Era il 25 settembre quando in una nota congiunta il vice sindaco di Roma Capitale, Sveva Belviso, e l’assessore all’educazione, Gianluigi De Palo, dopo l’incontro avvenuto il giorno prima in Campidoglio con alcuni rappresentanti dei genitori, avevano dichiarato: ‘Roma Capitale garantirà ai municipi capitolini i fondi necessari per l’erogazione dei servizi Aec (assistenza educativo-culturale), dedicati ai ragazzi con disabilità’. Cosa ne è stato di questo impegno?. Dove sono i fondi promessi?”, domanda Giulio Notturni, rappresentante Cambiare davvero e responsabile giovani UdC del municipio XIII.
 
“Belviso e De Palo avevano anche precisato che ‘i fondi complessivi messi a disposizione dei municipi per il 2012 sono aumentati di circa 350.000 euro, rispetto agli oltre 22 milioni utilizzati nel 2011’ e che ‘attualmente stiamo coprendo con risorse straordinarie, in attesa della prossima approvazione del bilancio, l’aumento di fabbisogno che si è registrato nell’ultimo anno’ Ripeto: dove sono queste risorse?”, domanda l’esponente politico.
 
“De Palo e Belviso in quella circostanza hanno annunciato anche la costituzione di una  ‘commissione tecnica congiunta tra il dipartimento alle politiche sociali e quello della scuola per uniformare in tutta la città il funzionamento degli assistenti educativi e per ottimizzare le risorse disponibili’... Mi domando: invece di perdere tempo in commissioni congiunte che non portano a nulla perché il Campidoglio non fa un giro nelle scuole dove i docenti non riescono a lavorare né i bambini a stare sereni perché non c’è personale? Ed i genitori sono in preda all’angoscia? Basta con le chiacchiere e con le promesse fumose: subito i fondi”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Raggi: stop a tutti i concorsi pubblici a Roma

  • Tragedia nella Metro A, morto un uomo investito da un treno alla stazione Manzoni

  • Sciopero, oggi a Roma metro e bus a rischio per 24 ore: tutte le informazioni

  • Blocco traffico Roma: domenica 23 febbraio niente auto nella fascia verde

  • Via Pontina, precipita con la Smart dalla rampa e muore sul colpo. Gli amici lo ricordano sui social

  • Coronavirus Roma: "Scuole chiuse? Fake news". Mezzi pubblici, via alla sanificazione

Torna su
RomaToday è in caricamento