OstiaToday

LETTORI - Rapina ad Acilia: allarme fu dato da una guardia giurata

Un lettore, guardia giurata in servizio presso la Sala Operativa della Metronotte Nuova Città di Roma, ci scrive e ci segnala alcune precisazioni sulla rapina avvenuta in una tabaccheria di Acilia pochi giorni fa


"La tabaccheria rapinata ad Acilia è un nostro cliente, quella mattina è arrivato il segnale rapina presso la nostra centrale operativa e in poco più di 2 minuti la nostra pattuglia di zona riconosciuta nella guardia giurata V.S. era davanti alla tabaccheria per dare asusilio ai titolari appena rapinati. Dalla sala Operativa Metronotte, avvisavamo immediatamente il Commissariato di Ostia, e grazie alla descrizione fornita dalla guardia giurata S. la nostra sala operativa, è stato informato il Commissariato, che poi grazie alle stesse, ha permesso il riconoscimento e l'arresto del malvivente". Ci scrive F.S. guardia giurata in servizio presso la Sala Operativa della Metronotte Nuova Città di Roma, leggendario istituto di Vigilanza che opera a Roma e provincia da oltre 50 anni.
"Pertanto,gli eventi a Lei riportati, non corrispondono alla realtà. Apprezziamo l'operato della Polizia di Stato, ma è giusto dare merito al nostro importante contributo. Anche noi, nell'ombra, operiamo a tutela dei cittadini. Si precisa, che qualche giorno prima, la stessa Tabaccheria aveva subito un'altra rapina sventata sempre grazie all'ausilio della guardia giurata V.S". Conclude.

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparito da sei mesi viene trovato mummificato nel vano areazione dell'ospedale

  • Coronavirus, ordinanza di Raggi: stop a tutti i concorsi pubblici a Roma

  • Tragedia nella Metro A, morto un uomo investito da un treno alla stazione Manzoni

  • Sciopero, oggi a Roma metro e bus a rischio per 24 ore: tutte le informazioni

  • Via Pontina, precipita con la Smart dalla rampa e muore sul colpo. Gli amici lo ricordano sui social

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi e comunicazioni alle Asl. Tutto quello che c'è da sapere

Torna su
RomaToday è in caricamento