OstiaToday

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | "Raggi amica dei balneari": cori a Ostia contro la Sindaca. Le proteste di cittadini e opposizioni

Il Campidoglio: "Ex Arca abbattuto diventerà spiaggia libera di Ostia"

 

È iniziata con l'abbattimento dei manufatti abusivi, la bonifica dell'area del litorale di Ostia dove sorge l'ex stabilimento Arca. L'obiettivo del Campidoglio è garantire un maggiore tratto di arenile alla pubblica fruizione, nel quale siano destinati servizi gratuiti alla collettività. Addio degrado e abbandono, in quell'area nascerà una nuova spiaggia libera per cittadini e turisti.

I lavori di demolizione, il cui costo è di 130mila euro iva esclusa, sono partiti alla presenza della Sindaca di Roma Virginia Raggi e della presidente del Municipio X Giuliana Di Pillo

Come dichiara la sindaca Virginia Raggi l’Amministrazione capitolina "dice sì al lungomare e no al lungomuro", un passo che porterà all'approvazione del Piano di Utilizzo degli Arenili.

Mosse, però, che non convingono molto alcuni cittadini e le opposizioni che hanno protestato davanti l'ex Arca. "Hanno abbattuto il 'lungolegno', più che il 'lungomuro'. Bene il ripristino del decoro, anche se quelle strutture in legno, ma sentir parlare di "ripristino della legalità", o far passare la demolizione come un segnale forte verso i privati suona leggermente surreale e fa un tantino sorridere", dichiara Andrea Bozzi, capogruppo di "Sogno Comune" in Municipio X.

"Dispiace poi - conclude Bozzi - che la Sindaca Raggi nella sua foga propagandistica, abbia nuovamente ripetuto che l'opposizione tutta voglia bloccate il Pua perché contro l'illegalità. Tutti sanno, compresa la maggioranza municipale, che le opposizioni reclamano da mesi un mancato confronto su un Pua scritto in fase commissariale e calato dal Campidoglio sulle nostre teste senza la possibilità di poter apportare osservazioni o modifiche sacrosante che chi governa ha sempre respinto, con un atteggiamento arrogante, perché sottomessi ai voleri del Campidoglio o del Dipartimento capitolino". 

"La Raggi è venuta a Ostia tra proclami contro il lungomuro, che poco ha a che fare con l'Arca, e slogan elettorali urlati da pochi militanti. Il primo cittadino di Roma ha dato il solito, miserrimo spettacolo, poco consono al suo ruolo. Un comizio a Ostia offensivo e al limite della diffamazione nei confronti dell'opposizione", sottolineano Capogruppo di FDI in Assemblea Capitolina Andrea De Priamo e il Consigliere di FDI in X Municipio Mariacristina Masi.

Duri anche i paresi dell'Associazione Mare X Tutti e di Marco Possanzini di Sinistra Italiana: "Tecnicamente si spaccia per rivoluzione quello che in realtà è un obbligo e lo si fa a poche ore dal fatidico parere favorevole sul Pua. C'è da aggiungere che il neo nato Comitato Balnerari di Ostia, probabilmente nato per preparare il terreno in vista del nuovo Pua, ha accolto con grande favore questo intervento della Raggi sulle spiagge libere. Ci mancherebbe altro. Il motivo è assolutamente comprensibile e semplice: gli interessi degli 'stabilimentari', sia con il nuovo PUA, sia con gli interventi spot sulle spiagge libere, non vengono assolutamente messi in discussione ed anzi il potere degli stabilimentari viene ulteriormente legittimato".

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento