OstiaToday

Ostia, la scuola è indebitata: mille bambini senza mensa e 30 lavoratori a rischio licenziamento

La situazione colpisce lavoratori, e genitori e alunni di ben tre plessi

Mille bambini senza servizio di mensa e trenta dipendenti della ditta incaricata di preparare i pasti a forte rischio licenziamento. E' la dura realtà che colpisce lavoratori, genitori e alunni dei plessi 'Amendola-Guttuso', 'Acqua Rossa' e 'Parini', che arriva in seguito al forte indebitamento dell'istituto comprensivo Azzorre di Ostia, riferibile alle passate gestioni, con la ditta 'Solidarietà e Lavoro' che fornisce il servizio. 

Un debito tra i 700mila e il milione di euro, dovuto all'altissimo tasso di evasione da parte delle famiglie che non avrebbero pagato il ticket pasto per i bambini. 

Ieri il Consiglio d'Istituto delle 'Azzorre' ha ribadito la decisione già assunta dalla direttrice scolastica Milena Nari ovvero di sospendere il servizio mensa; per questo motivo lavoratori e mamme hanno manifestato lunedì pomeriggio fuori la sede centrale della scuola.

Sul caso sono intervenuti i sindacalisti di Filcams Cgil Roma Lazio e Fisascat Cisl Roma & Lazio: "La situazione debitoria accumulata dal 2009 ad oggi, non può essere addebitata né a chi ogni giorno presta servizio con dedizione e professionalità, né tantomeno ai piccoli utenti che usufruiscono della mensa. L'unica soluzione decisa è il pasto da casa?".

"Ricordiamo che in una recente sentenza della Corte di Cassazione i Giudici dichiarano che portare il 'panino da casa', comporta una 'possibile violazione dei principi di uguaglianza e di non discriminazione in base alle condizioni economiche, oltre che al diritto alla salute, tenuto conto dei rischi igienico-sanitari di una refezione individuale e non controllata'. Chiediamo al Comune di Roma un'assunzione di responsabilità e una soluzione immediata".

Punto di vista condiviso anche dai consiglieri capitolini del Partito Democratico Giovanni Zannola e Valeria Baglio: "Ha dell'inverosimile ciò che sta accadendo. Presenteremo un'interrogazione urgente al Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici di Roma Capitale, perché un servizio così importante deve essere necessariamente garantito. Alla luce dei ritardi del nuovo contestatissimo bando comunale, che purtroppo non è in grado di assicurare qualità e sicurezza delle mense scolastiche, ci auguriamo che la dirigente dell'I.C. Azzorre decida di prorogare temporaneamente l'affidamento all'attuale ditta per salvaguardare bambini e lavoratori".

Anche il Laboratorio Civico X ribadisce: "La soluzione va cercata con Roma Capitale, con immediatezza e nello stile della concertazione tra le parti". 

Se non verranno intraprese misure immediate, al loro rientro dalle vacanze estive, gli alunni delle scuole 'Parini', 'Acqua Rossa' e 'Amendola-Guttuso' resteranno senza pasto. E i trenta dipendenti della ditta 'Solidarietà e Lavoro', che ha erogato il servizio finora, dovranno affrontare lo spettro del licenziamento.


 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

Torna su
RomaToday è in caricamento