OstiaToday

Ostia, Raggi attacca la consigliera municipale della Lega. La replica: "Pronta a portarla in tribunale"

La consigliera e capogruppo della Lega nel X Municipio: "Ricevere insulti dalla Raggi, vere fake news basate su pregiudizi, ignoranza e squallidi personalismi non lo accetto"

Continuano le polemiche tra Lega e Movimento 5 Stelle ad Ostia, soprattutto dopo il tour nel litorale di Matteo Salvini. I pentastellati, dopo aver accusato i rivali all'opposizione nell'aula Massimo Di Somma durante il consiglio del X Municipio, hanno attaccato gli antagonisti anche attraverso i social. 

A scoccare il dardo è stata la sindaca Virginia Raggi che su Facebook ha puntato dritto contro Monica Picca, consigliere municipale e capogruppo della Lega nel Decimo. 

"Salvini se ne va in giro per Ostia con ex assessori di Alemanno e l’ultima “folgorata” sulla via del Carroccio, passata alla Lega da Fratelli d’Italia, è la consigliera municipale Monica Picca. Molti di voi la ricorderanno per la celebre foto in cui viene ritratta, sorridente, tra Giorgia Meloni e Silvano Spada, esponente del noto clan". Questo lo stralcio del post di Raggi che ha fatto infuriare Picca. 

cats-66

Immediata la replica. Questa volta attraverso una nota stampa. "Questa è la Raggi. Un sindaco che invece di concentrarsi sui gravissimi problemi di Roma si mette a fare post su Facebook senza nemmeno pensare a quello scrive. Il suo post pubblicato ieri in occasione della visita di Salvini ad Ostia è imbarazzante e lascia intendere la superficialità di una donna che ormai è disposta a tutto pur di distogliere l’attenzione dalla sua inettitudine e da quella della sua giunta. Alla Raggi ricordo che come sindaco di Roma ha il dovere di rappresentare l’intera comunità e non solo quella sparuta minoranza che ancora la sostiene".

"Ricevere insulti dalla Raggi, vere fake news basate su pregiudizi, ignoranza e squallidi personalismi non lo accetto. Sono in politica da anni, vivo ad Ostia e sono un insegnante: sto tra la gente da sempre e una foto tra le migliaia che ho fatto non vuol dire nulla. Invito la Raggi ad informarsi sul mio conto prima di pubblicare false notizie che ledono la mia immagine. Se l’episodio dovesse ripetersi sarò pronta a portarla in tribunale. Ricordo infine alla Raggi che nessuno della Lega ha mai dato del mafioso a Di Maio solo perché fu ritratto insieme al fratello di un boss del clan dei Casalesi Gaetano sotto processo per disastro ambientale. Comprendiamo benissimo che non si può chiedere la carta d’identità a chiunque ti chieda di fare una foto", conclude Picca. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Raggi: stop a tutti i concorsi pubblici a Roma

  • Tragedia nella Metro A, morto un uomo investito da un treno alla stazione Manzoni

  • Sciopero, oggi a Roma metro e bus a rischio per 24 ore: tutte le informazioni

  • Blocco traffico Roma: domenica 23 febbraio niente auto nella fascia verde

  • Via Pontina, precipita con la Smart dalla rampa e muore sul colpo. Gli amici lo ricordano sui social

  • Coronavirus Roma: "Scuole chiuse? Fake news". Mezzi pubblici, via alla sanificazione

Torna su
RomaToday è in caricamento