OstiaToday

Ostia, Marino presiede Giunta straordinaria: "Useremo esercito e bulldozer"

"Ostia é certamente una delle priorità non della città, ma del Paese". Hanno partecipato tra gli altri il vicesindaco Luigi Nieri e Alfonso Sabella neoassessore alla Legalità

Il sindaco di Roma Ignazio Marino ha presieduto oggi la Giunta capitolina nella sede del X municipio, in piazza della Stazione Vecchia 26. Si è trattato di una riunione straordinaria a cui hanno partecipato, tra gli altri, il vicesindaco di Roma Luigi Nieri e Alfonso Sabella neoassessore alla Legalità, nonché delegato al litorale. Da ieri il primo cittadino, infatti, ha assunto formalmente le competenze su Ostia, lasciate vacanti in seguito alle dimissioni dell'ex minisindaco Andrea Tassone

ROTAZIONE DI DIRIGENTI E VIGILI - "Abbiamo fatto qui la nostra prima giunta, avendo assunto i poteri di presidente del Municipio, e preso le prime importanti decisioni: abbiamo sostituito le cariche dirigenziali. Il direttore apicale con la dottoressa Proverbio, sostituito il capo dei vigili con il comandante Di Maggio, il direttore dell'area tecnica con l'architetto Esposito e il responsabile dei servizi socio educativi con la dottoressa Saracina", ha confermato Marino. La notizia, già ieri, era stata resa pubblica dello stesso Sindaco.

BULLDOZER ED ESERCITO - "Quali primi passi per la legalità a Ostia? Legalità non è solo mettere in prigione i banditi. È anche offrire a tutti a prescindere dal censo e dal reddito le stesse opportunità di cura e di rivolgersi a un medico e un infermiere preparato, avere un asilo e una scuola". Al suo debutto da presidente di Ostia, Marino ha poi usato toni forti a chi gli ha chiesto se fosse stata emessa un'ordinanza per l'apertura dei varchi sul lungomare: "Useremo bulldozer, esercito e le armi lunghe. Quello che serve qua. Il prefetto Franco Gabrielli che ho incontrato è d'accordo. Ora facciamo una bella piazza pulita - ha spiegato -. Tutti quelli che non hanno la coscienza a posto è meglio che se ne vadano da Ostia altrimenti li mettiamo al gabbio e buttiamo le chiavi"

ESAME DI TUTTI GLI ATTI - "Gli atti che sono stati studiati dalla giunta del X Municipio sono importanti. E' chiaro che in questo momento, essendoci preoccupazione per un tema come quello della legalità, noi esamineremo come giunta e con l'aiuto dei massimi vertici del Campidoglio tutti gli atti", ha detto Marino che poi ha proseguito: "Ecco perché qui oggi eravamo tutti presenti. Otre alla giunta c'erano anche il segretario generale, il capo dell'avvocatura, per dimostrare formalmente, quanto un Municipio che è più grande di Firenze abbia bisogno della massima attenzione".

UNA NUOVA SCUOLA - Marino, che in mattinata aveva inaugurato la Casa della Salute ad Ostia con il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti fa un altro annuncio: "Insieme alla giunta e all'assessore Pucci abbiamo avviato ed esaminato il percorso di un altro importante provvedimento: l'apertura della scuola di via Orioli a Ostia Antica. Un provvedimento atteso da tempo dai cittadini che vogliamo con il nuovo anno scolastico che sia a disposizione dei ragazzi di questa parte della città".

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Cerveteri si prepara al Jova Beach Party: bagni vietati e stabilimenti chiusi in anticipo. Tutte le info

  • Fiocco viola e messaggi su schermi: Atac ricorda Sophia, figlia di un dipendente morta dopo una malattia

Torna su
RomaToday è in caricamento