OstiaToday

Ostia senza chioschi, l'estate a 5 stelle non convince. "Così si aiutano i balneari"

Ferrara rilancia: "Abbatteremo Lungomuro" ma bandi e abbattimento dei chioschi non convincono

Addio chioschi sul lungomare di Ostia. Lo avevamo preannunciato ad inizio marzo, con i primi abbattimenti all'ex spiaggia Amanusa sono iniziati ufficialmente i primi passi dell'estate a 5 Stelle. Gli altri, dalla Spiaggetta al Punta Ovest, saranno demoliti dalla Legnami Amore (costo 48mila euro dell'affidamento diretto). Una visione grillina del mare di Roma che riguarderà, anche, l'eliminazione del servizio noleggio ombrelloni e sdraio sui tratti di arenili ormai "liberi". 

L'estate a 5 Stelle per Ostia

Ma non finirà qui. Le mosse del Movimento 5 Stelle prevedono anche bandi per la gestione del servizio bagnini, un'area per gli animali, bagni chimici sulla spiaggia, nuove fontanelle, attività sportive e maggiore illuminazione pubblica per garantire l'accesso, sicuro, al mare nel tratto di spiaggia dal Porto all'ex Faber Beach. Il mare sarà quindi libero, con servizi limitati e senza 'chioscari'.

Insomma no ai punti ristoro con nessuno che gestirà i quasi tre chilometri di spiagge libere. Il rischio degrado è così dietro l'angolo e lasciare le spiagge incustodite preoccupa la Capitaneria di Porto che sta pensando di chiedere al X Municipio di modificare alcuni bandi per l'estate.

"Il 5 Stelle aiuta i balneari"

Un timore condiviso anche dal Partito Democratico: "La giunta a 5 Stelle salva gli abusi e la illegalità della lobby potente degli stabilimenti, non apre nuovi varchi per accesso al mare, non abbatte neppure un un metro di Lungomuro, non fa rispettare le dimensioni autorizzate, non revoca le concessioni ma abbatte i chioschetti di legno del Comune privando le spiagge libere dei servizi presenti in tutte le spiagge il che spingerà bagnanti verso gli stabilimenti: La giunta Raggi ha avuto due anni per assicurare con regolare bando il funzionamento delle otto spiagge libere ma non ha fatto nulla ed ora vuole risolvere il problema distruggendo tutti i chioschi realizzati con i soldi pubblici".

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"Abbatteremo il Lungomuro"

La risposta del Movimento 5 Stelle non è tardata. "Ora avremo finalmente ad Ostia spiagge libere in tutti i sensi, liberate anche visivamente. I chioschi ormai fatiscenti e poco sicuri per i cittadini, sono anche privi dell'idoneo titolo abitativo edilizio: il più delle volte sono illegali. In alcuni casi, il legno della struttura portante non garantisce neanche le caratteristiche di sicurezza strutturale. Demoliamo per ricostruire nel modo giusto: a norma di legge, in sicurezza e con una programmazione limpida e trasparente. Il vento è cambiato", ha detto la sindaca Virginia Raggi rilanciando l'ambizione di abbattere il Lungomuro.

Una questione sulla quale il Movimento 5 Stelle si sta giocando la faccia. Una sfida che i pentastellati credono di vincere come sottolinea anche Paolo Ferrara, capogruppo grillino in Campidoglio: "Stiamo combattendo la Mafia. Stiamo lavorando per abbattere il Lungomuro" anche se il percorso è più "lungo perché servono alcuni strumenti 'urbanistici' e non tutte sono strutture abusive. Ma stiamo andando avanti. Lo butteremo giù".

Un'altra cosa ancora sono gli abusi sugli stabilimenti balneari per cui "l'amministrazione sta procedendo alle revoche delle concessioni, affrontando tutti i ricorsi, che rallentano enormemente il nostro operato", conclude Ferrara.

Sabbia sull'asfalto, vietato parcheggiare sul lungomare

ostia-7-7

Gli intoppi per l'estate 2018 sul litorale

Tradotto: ora si abbattono i chioschi, chi vorrà andare al mare sceglierà tra spiagge con servizi minimi garantiti e stabilimenti. Poi si penserà al Lungomuro aiutandosi con l'attuazione del nuovo Piano Utilizzo Arenili che, però, ha tempi biblici tant'è che sull'essenziale strumento manca ancora il voto del consiglio comunale.

A mettere il carico su una questione già delicata ci si mette anche l'annoso problema dell'erosione della costa che ha colpito Fregene e Torvaianica senza risparmiare anche Ostia dove allo storico lido della Pinetina sono spariti ristorante e metà delle cabine.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento