OstiaToday

Ostia, l'assessore Pace illustra l'impegno municipale

L’assessore ai servizi sociali e alle scuole del XIII Municipio illustra spiega le mosse dell'amministrazione lidense

Nel territorio municipale insistono una dozzina di insediamenti abitativi abusivi da molto tempo. Quasi tutti sono localizzati all’interno di spazi pubblici, siano esse aree verdi o edifici. Probabilmente sono più di cinquecento le persone che vivono in questa situazione di degrado e di disagio. Le cause che hanno determinato tutto ciò sono molteplici. Il fenomeno è stato analizzato, studiato ed è sufficientemente monitorato dalle istituzioni e da alcune importanti realtà come la Caritas e la Comunità di Sant’Egidio. Il XIII Municipio si è occupato del problema in diverse occasioni ed i servizi sociali sono, per le proprie competenze, quotidianamente impegnati ad offrire il proprio contributo di assistenza. “E’ comunque evidente – ha  dichiarato l’assessore ai servizi sociali e alle scuole Lodovico Pace - che una risposta risolutiva immediata non è possibile. Abbiamo ereditato un pesante fardello al quale si è cominciato a mettere mano soltanto negli ultimi anni. Si sono tollerate situazioni di illegalità e di degrado per decenni. E’ cresciuta una città invisibile e con essa anche intollerabili sfruttamenti. Dal 2007 è cominciato il tentativo dell’amministrazione di rispondere per impedire il formarsi di queste sacche della disperazione che mettevano a repentaglio la sicurezza dei cittadini”. “Nel XIII Municipio, da maggio 2007 ad aprile 2008 – ha continuato l’assessore Pace- furono eseguiti diversi sgomberi ( tra questi Centro Giano, Capo Sperone, Dragoncello e via della Cacciuta) con condivisibili motivazioni da parte degli esponenti della maggioranza di allora e l’impegno di garantire la sicurezza e la dignità delle persone non può essere abbandonato da nessuno. Ho personalmente visitato alcuni di questi insediamenti e non credo possa essere tollerabile, da parte di una società civile, consentire simili condizioni di degrado e all’interno di queste anche diffuse illegalità. Dopo il recente sgombero di via dei Pescatori i servizi sociali, già attivi nel seguire alcune persone che vi risiedevano, ha accompagnato molti di loro in un percorso trasparente per il raggiungimento di migliori condizioni di vita. A questo punto – ha concluso Pace - l’invito è ad evitare demagogia e strumentalizzazioni e ad impegnarsi seriamente per la legalità e per il rispetto delle persone”. Gli assistenti sociali del Municipio hanno incontrato gli interessati allo sgombero, hanno consigliato loro gli adempimenti per effettuare la domanda per la casa offrendo loro una possibilità alternativa per quanto riguarda il pernottamento e nel frattempo si sta redigendo una relazione che sarà inviata all’ufficio politiche abitative di Roma Capitale.

Potrebbe interessarti

  • Saldi estivi a Roma, manca poco: quando iniziano

  • Cinema all'aperto a Roma: indirizzi e film in programma nell'estate 2019

  • Immunoterapia contro il cancro, messo a punto nuovo farmaco da ISS e Sant'Andrea di Roma

  • I migliori mercati (di frutta e verdura) di Roma

I più letti della settimana

  • Tragedia a Torvaianica: ragazzo di 17 anni morto affogato in mare

  • Giallo di Torvaianica, il compagno di Maria Corazza ha incontrato tre persone venerdì mattina

  • Meno di 300 euro andata e ritorno da Roma a New York: ecco il nuovo volo diretto

  • Viale Marconi: violentate e picchiate in strada. Aggressore fugge e viene investito

  • Torna #vialibera: domenica 16 giugno a Roma 15 chilometri di strade solo per bici e pedoni

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 15 e domenica 16 giugno

Torna su
RomaToday è in caricamento