OstiaToday

Ballottaggio Ostia, Di Stefano: "CasaPound non sosterrà M5S. Spada non è nostro iscritto"

L'esponente di CasaPound: "A Nuova Ostia c'è solo la palestra degli Spada come presidio"

CasaPound non sosterrà il M5S al ballottaggio del X Municipio. A dirlo è Simone Di Stefano è intervenuto questa mattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università Niccolò Cusano.

"L'idea di regalare il nostro pacchetto di voti al Movimento Cinque Stelle, se volessimo seguire solo un piano strategico per dimostrare ancora una volta l'incompetenza dei grillini, potrebbe essere interessante. Ma amiamo i nostri territori e dubito che faremo questa scelta. Lunedì ci sarà una conferenza stampa, vedremo se ci saranno apparentamenti, lo annunceremo lunedì", ha detto. CasaPound che, almeno secondo l'intervista rilasciata dal deputato di Fratelli d'Italia Fabio Rampelli a RomaToday, non avrà un accordo neanche con il Centrodestra che sostiene Monica Picca, la rivale della grillina Giuliana Di Pillo al ballottaggio di Ostia

Il vicepresidente di CasaPound ha parlato anche del gesto di Roberto Spada che ha aggredito due inviati Rai ad Ostia Nuova: "Noi ovviamente riteniamo l'episodio allucinante e deprecabile, ma non capiamo perché ci debba essere associato. Roberto Spada non è iscritto a CasaPound e non è un nostro dirigente. Ha solo detto qualche tempo che a Nuova Ostia c'è soltanto CasaPound che cerca di fare politica. E questo, purtroppo, è vero. Per dissociarci serve un'associazione. Invece non c'è niente. Condannare il gesto di Spada? E' un gesto di una violenza gratuita allucinante".

Poi, però, Di Stefano aggiunge: "Se a Nuova Ostia esiste solo la palestra di Roberto Spada ed è una palestra che funziona e che dà una possibilità a tutti i bambini di Nuova Ostia, non è certo colpa di CasaPound, ma della politica. - continua Di Stefano a Radio Cusano Campus - A Nuova Ostia c'è solo la palestra degli Spada come presidio. Quando hanno chiuso la palestra il quartiere si è rivoltato, è ovvio. Se si vuole chiudere la palestra degli Spada deve aprire qualcosa di nuovo. Non si può dipingere come l'inferno un quartiere e condannare tutti i cittadini che ci vivono".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento