martedì, 02 settembre 19℃


Ostia, sequestrati 28 pass invalidi in 4 ore all'ospedale Grassi

Tra i permessi ritirati contrassegni scaduti, fotocopie e intestati a persone decedute. Agli automobilisti sono state applicate sanzioni tra i 68 e i 110 euro in base alla gravità dell'infrazione

Lorenzo Nicolini 24 aprile 2012
2

Un altro scandalo coinvolge l'ospedale Grassi di Ostia, o meglio l'area dell'ospedale del XIII Municipio.  Nel corso dei controlli effettuati dalla Polizia locale di Roma Capitale del XIII Gruppo nell'area interna ed esterna al nosocomio lidense sono stati ritirati 28 pass per invalidi. I contrassegni ritirati sono risultati scaduti, assegnati a persone decedute o falsificati. In 14 casi sono state elevate sanzioni amministrative tra le 68 e i 110 euro per gli altri sono in corso accertamenti. I controlli proseguiranno nei prossimi giorni su tutto il territorio nei posti riservati a persone con invalidità.

Annuncio promozionale

Il 'raid' del XIII Gruppo della Polizia di Roma Capitale è stato accolto con parole di elogio anche da Giordano Tredicine presidente della Commissione Politiche Sociali e Famiglia di Roma Capitale e da Samuele Piccolo, vicepresidente dell'Assemblea capitolina che dichiara: "Un fenomeno volgare e purtroppo consolidato quello di molti automobilisti che parcheggiano la propria autovettura negli spazi per le vetture dei portatori di handicap".

"Ad oggi nel Comune di Roma sono stati rilasciati circa 85.000 permessi, di cui solo 60.458 sono validi. Il dato è allarmante - spiega Tredicine - perchè i permessi disabili revocati per decesso dal 1 settembre del 2004 sono stati 25.488 ma solo il 20% è stato realmente restituito. Con l'inserimento di questo dispositivo innovativo si andrà verso la risoluzione definitiva del problema", conclude Tredicine.

Ostia
moby
ospedali

2 Commenti

Feed
  • Avatar di G DC

    G DC Far loro la multa è poco.
    Dovrebbero anche sequestrare l'autovettura.
    Poi si vedrà.
    Così dovrebbero essere le regole in una società civile.
    Visto come stanno le cose, sarebbe ora di eliminare quel pietismo di religiosa derivazione cattolica, che perdona il peccatore nel caso si ravveda.

    il 25 aprile del 2012
  • Avatar di Geremia

    Geremia Chi utilizza in modo illegale un pass disabile, magari intestato alla nonna deceduta da anni, è un delinquente perchè si arroga del diritto di passare nella Ztl, nelle corsie preferenziali, non pagando il ticket del parcheggio ma soprattutto toglie posti auto a persone realmente disabili!
    Queste dovrebbero essere elementari norme per la civile convivenza, e sono contento che sporadicamente la polizia municipale si ricorda di questi trasgressori, anche se la sanzione di 68€ mi sembra un pò pochina, spero che almeno venga loro sequestrato il pass!

    il 24 aprile del 2012