OstiaToday

Ostia, Lega e M5s ai ferri corti: è scontro sulle spiagge. Raggi: "Salvini e i suoi sono stati smascherati"

La Sindaca: "Noi non vogliamo un ritorno al passato e continueremo a lottare per la legalità". La Lega risponde Dalla Raggi solite chiacchiere al vento"

Ad Ostia continua lo scontro tra la Lega e il Movimento 5 Stelle. Dopo il tour di Matteo Salvini tra le palazzine popolari, gli attacchi pentastellati e la puntuale replica, nell'aula Massimo Di Somma è andato in scena il quarto round tra le due fazioni politiche.

Ad ingigantire un tema dibattuto nel parlamentino del X Municipio è stata ancora una volta la sindaca Virginia Raggi che, sul suo profilo Facebook, ha pubblicato lo stralcio di un video di quanto successo ad Ostia condito da un lungo post in cui attacca la Lega e Matteo Salvini colpevoli, secondo prima cittadine di Roma, di essere contro l'abbattimento del Lungomuro. 

"La Lega e il centrodestra sono contrari ma non hanno neppure il coraggio di sostenerlo pubblicamente. Anche oggi, durante il consiglio del Municipio X, hanno bloccato i lavori dell’aula in cui si discuteva il nuovo Piano per l’utilizzo degli arenili (Pua) sostenuto dai nostri consiglieri. Non votano contro, impediscono di votare. A una sola settimana dalla inutile passerella elettorale a Ostia, Matteo Salvini e i suoi sono stati nuovamente smascherati: prima il leader della Lega ha affermato che il suo intervento è stato determinante per la sostituzione delle caldaie nelle case popolari, cosa che abbiamo facilmente smentito con documenti alla mano che provavano come gli interventi di manutenzione fossero stati già previsti dalla nostra Amministrazione, ben prima del suo arrivo; ora abbiamo la conferma che il suo partito e i suoi alleati, tutti quelli saliti sul suo “Carroccio”, non vogliono restituire il mare di Roma ai romani e riportare la legalità sul nostro litorale. Ancora una volta, da Salvini e dal centrodestra solo chiacchiere per coprire una semplice verità: vorrebbero tornare al passato. Quello che, per anni, ha impedito ai cittadini di poter godere liberamente del proprio mare e ha consentito il saccheggio delle spiagge, le colate di cemento, la costruzione del lungomuro. Noi non vogliamo un ritorno al passato e continueremo a lottare per la legalità, al fianco di tantissimi cittadini stufi dei privilegi concessi a interessi privati o criminali". 

A replicare alla Sindaca, per la Lega, si ha pensato Claudio Durigon, coordinatore del partito a Roma: "Dalla Raggi solite chiacchiere al vento: ma l'incapacità manifesta è evidente in ogni angolo di Roma, dal centro alla periferia fino a Ostia. Della lotta alle mafie facciamo il nostro credo come abbiamo dimostrato più volte dalle confische ai presidi. Se poi alla Raggi fa comodo consolarsi con inutili bugie, faccia pure. Magari permetta anche la discussione nelle commissioni però invece di sbraitare inutilmente dopo. Faremo una passeggiata anche al lungomuro di Ostia come abbiamo già fatto con le case popolari. Sono sicuro che a quel punto tutto si risolvera' e chi blocca davvero, la Raggi guardi nel suo partito, smetterà di farlo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparito da sei mesi viene trovato mummificato nel vano areazione dell'ospedale

  • Coronavirus, ordinanza di Raggi: stop a tutti i concorsi pubblici a Roma

  • Tragedia nella Metro A, morto un uomo investito da un treno alla stazione Manzoni

  • Sciopero, oggi a Roma metro e bus a rischio per 24 ore: tutte le informazioni

  • Via Pontina, precipita con la Smart dalla rampa e muore sul colpo. Gli amici lo ricordano sui social

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi e comunicazioni alle Asl. Tutto quello che c'è da sapere

Torna su
RomaToday è in caricamento