OstiaToday

Esposito: "Ruspe per i varchi al mare. I giornalisti di Ostia mi preoccupano"

Il commissario del Pd di Ostia: "Se la classe imprenditoriale del territorio avrà questo atteggiamento saremo pronti allo scontro. Elezioni? C'è una legge da rispettare, opposizioni prendano maalox"

Stefano Esposito, senatore del Partito Democratico e commissario del PD a Ostia, ai microfoni di Radio Cusano Campus, attacca tutti dai politici, ai giornalisti passando per gli imprenditori balneari: "Le barriere sono state messe in maniera illegale, dietro questa vicenda c'è la rappresentazione di una situazione che ad Ostia da alcuni è vissuta come normale. Intendiamo procedere all'abbattimento dei cancelli", esordisce il commissario del Pd di Ostia. 

L'ATTACCO AI BALNEARI - Renato Papagni, presidente di Federbalneari Italia e Assobalneari Roma, venerdì scorso, oltre ad aver annunciato il ricorso al Tar da parte dei balneari ha ricordato che l'unica legge che regolamenta la questione è la 296 del 2006 per cui gli stabilimenti devono garantire l'accesso al mare durante la stagione balneare, rivendicando come questo sia sempre avvenuto ad Ostia.

La risposta di Esposito è dura: "Non so di cosa parli Papagni, se avessero applicato la legge prevista non saremmo in questa situazione. C'è un problema di apertura varchi, in queste settimane ho ricevuto decine e decine di e-mail di cittadini che mi ringraziavano per la risoluzione con cui sto affrontando questo tema". 

ARRIVANO LE RUSPE - Prima l'esercito, poi i bulldozer e le armi lunghe e adesso le ruspe. Il Pd, come conferma Esposito, ci va giù pesante: "O Papagni vive in un altro mondo o come è più probabile che sia tutela i propri interessi, interessi che sono contro la legge. E' singolare che ci siano questi imprenditori, se la classe imprenditoriale di Ostia ha questo atteggiamento il percorso sarà lungo e difficile, ma noi non ci sottrarremo, siamo pronti anche allo scontro frontale".

E così ad Ostia sono in arrivo le ruspe: "Si provvederà con gli strumenti che saranno necessari. Difficilmente potremo abbattere i chioschi abusivi con il piccone. E' questione di ore e arriveranno le ruspe, noi ci siamo dati un obiettivo, che è quello dell'apertura dei varchi entro il primo maggio". 

CONTRO I GIORNALISTI DI OSTIA - Esposito si è mostrato più volte molto polemico con un certo tipo di stampa: "Trovo abbastanza singolare che ci sia un sistema giornalistico ad Ostia per cui i giornalisti che dovrebbero garantire informazione e imparzialità si trasformano poi in militanti politici sulle loro pagine Facebook.

Mi preoccupa un certo tipo di giornalismo che tende a spondare interessi illegittimi di imprenditori che non applicano la legge. Magari hanno ricevuto qualche regalino? Paradossalmente lo preferirei, almeno si spiegherebbe il loro atteggiamento". Una battuta sul commissariamento di Ostia:"In questa settimana ci sarà l'indicazione del Commissario, la burocrazia tende a rendere difficili cose semplici".

LE ELEZIONI - Infine sulle prossime elezioni: "Non siamo noi a decidere la data delle elezioni, c'è l'election day e avviene una volta l'anno. Al momento si voterà a maggio 2016, non è prevista nessuna finestra intermedia, se non gli va giù la legge le opposizioni prendano un maalox e si facciano passare il mal di pancia". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento