lunedì, 22 dicembre 8℃


Casal Palocco: lascia il compagno, lui si ubriaca e la picchia

E' accaduto nelle ore notturne in una dependance in via Gino Marinuzzi dove, fino a sette mesi fa, una badante ucraina di 36 anni, viveva con il proprio compagno, un pregiudicato romeno 33enne

Lorenzo Nicolini 12 ottobre 2011
2

Ancora una storia di violenza domestica. Questa volta il fatto è accaduto via Gino Marinuzzi a Casal Palocco dove, una badante ucraina di 36 anni, viveva con il proprio compagno, un pregiudicato romeno 33enne. L’uomo, amante dell'alcol, era solito picchiare selvaggiamente la donna che, nell'ultimo periodo, aveva deciso di lasciarlo, allontanandolo dall’abitazione. Purtroppo, gli episodi di violenza sono continuati anche nei mesi successivi ma per paura di perdere il posto di lavoro, la donna non lo ha mai denunciato alle Autorità. L’ultima aggressione però è risultata fatale per l’ex coniuge che è stato sorpreso in flagranza. A seguito dell’ennesimo litigio, sfociato ancora una volta con violente percosse, la donna si è rifugiata in casa e ha chiamato il 112. Nel frattempo, l’uomo, nel tentativo di entrare in casa, ha colpito porta e finestre di casa danneggiandone gli infissi. Proprio in quel momento sono arrivati i militari che lo hanno bloccato, mettendo fine all’incubo della badante. C.V. è stato arrestato con l’accusa di violenza privata, danneggiamento e violazione di domicilio aggravato. Condotto nelle aule del Tribunale di Roma, è stato rimesso in libertà con il divieto di avvicinarsi alla ex compagna.

Annuncio promozionale

Infernetto
aggressioni
casal palocco
moby
violenza domestica

2 Commenti

Feed
  • Avatar anonimo di paolo

    paolo e ancora vi chiedete perche tutti i balordi criminali rummmmmeni vengono qui a fare i porci comodi loro??? sto tizio in rummmmania avrebbe preso 2 anni di galera altro che rimesso in libertà

    il 12 ottobre del 2011
  • Avatar anonimo di italo italiano

    italo italiano Poi uno dice che siamo un paese che facilmente sfocia nel ridicolo... Le domande sono 2: 1) una persona che ha l'hobby del bere tanto e del picchiare la propria compagna, può considerarsi una persona che sa ascoltare, che apprende dai propri errori, che ragiona e assimila gli insegnamenti della vita? 2) l'averlo denunciato, portato in caserma, con l'accusa (secondo me, cittadino onesto,  grave) di VIOLENZA PRIVATA, DANNEGGIAMENTO, VIOLAZIONE DI DOMICILIO AGGRAVATO, ed anche il fatto di avergli intimato di restare a distanza dalla sua ex compagna, lo farà mai desistere dal suo NUOVO intento, di far pagare per bene, alla sua compagna, l'onta di averlo fatto denunciare? A voi la risposta. Il mio pensiero è molto semplice.......chi sbaglia paga. E profumatamente.

    il 12 ottobre del 2011